A Savona la crisi morde anche le imprese in rosa, ma non nel turismo (+0,8%)

imagesLa crisi colpisce duro e anche le imprese femminili ne risentono. L’anno 2013 è iniziato con 8.403 imprese “rosa” registrate al Registro Imprese della Camera di Commercio di Savona, uno stock inferiore dell’1,8% rispetto a quello di dodici mesi prima. Anche il totale delle imprese savonesi ha registrato nel 2012 un andamento negativo,ma la flessione della componente femminile risulta più marcata (-1,8% contro -1,4% del totale imprese registrate). Il trend è però contrario a quello del quadro nazionale: in Italia, infatti, le imprese femminili risultano in lieve espansione (+0,06%).

La nostra provincia si conferma comunque una delle realtà a più elevata incidenza di imprese femminili rispetto al totale dell’economia: il 26,6% in provincia di Savona, mentre il tasso di femminilizzazione si posiziona in Italia su un valore medio del 23,5%.

Nel 2012 i settori che hanno maggiormente accusato la flessione sono risultati l’agricoltura (-4,8%) e il commercio (-2,9%), i due settori in cui storicamente si concentra l’interesse imprenditoriale femminile e che contano, rispettivamente, 1.434 e 2.305 imprese femminili.

Resistono meglio invece le imprese di un altro settore tradizionalmente a forte componente femminile, il turismo, che sale a 1.318 imprese attive. (+0,8%)

In assoluta controtendenza sono le imprese femminili di nazionalità extracomunitaria, che risultano in forte crescita: a inizio 2013 sono infatti 302, il 4% in più della consistenza di un anno prima. In provincia di Savona la nazionalità più rappresentata è quella rumena, con il 12,9% del totale.

 

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>