Baretta: “Il passaggio alla Camera può ancora migliorare il testo perché continueremo il dialogo con le parti sociali”

barettaskyChissà se il dialogo continuerà anche con noi…

Il Sottosegretario Baretta ha espresso oggi le sue valutazioni sull’esame della  in vista del passaggio del testo alla Camera dei Deputati, rilasciando la seguente nota a mezzo stampa:

La Legge di Stabilità, licenziata dal Senato e che ora passa alla Camera, è più equa, attenta alla crescita e mette l’accento sull’emergenza sociale.

I segnali ci sono tutti, grazie anche ai nuovi sforzi fatti durante il percorso, come quello sulla casa con i 500 milioni destinati ai Comuni per le detrazioni a tutela delle fasce più deboli della popolazione e quello del Fondo di garanzia per le imprese con un ruolo di primo piano affidato alla CDP (Cassa depositi e prestiti) per l’acquisto di pacchetti di crediti delle Pmi. Ci sono poi gli interventi contro l’estrema povertà, il fondo per sostenere la partecipazione azionaria dei lavoratori e lo stanziamento dei 100 milioni in più per il fondo per la non autosufficienza, che conferma l’attenzione del Governo al problema. Vengono destinati, anche, oltre 150 milioni per l’emergenza Sardegna, per un fondo finalizzato alla ricostruzione e alla messa in sicurezza delle aree terremotate/alluvionate, nonché per ulteriori specifici interventi per le singole aree interessate.

Il passaggio alla Camera può ancora migliorare il testo perché continueremo il dialogo con le parti sociali, cosi come è già avvenuto per il lavoro fatto in Commissione. C’è margine e spazio, inoltre, anche per un fondo automatico che destini introiti, provenienti dalla spending review e dal contrasto all’evasione, a favore dei lavoratori e dei pensionati e continueremo a lavorare al Patto di Stabilità interno degli Enti locali.

Segnalo anche, con particolare soddisfazione, l’inserimento di 130 milioni (30 nel 2014 e 100 nel 2015) per la realizzazione della terza corsia sulla A4 Venezia-Trieste ed il finanziamento dei fondi per la tangenziale nord di Vicenza e la nuova linea del tram di Padova. Sono risultati importanti, che si aggiungono alle risorse già stanziate per il Mose e la linea alta velocità Brescia-Padova, e che rappresentano un segnale dell’attenzione del Governo e del Parlamento verso le esigenze del territorio. 

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>