Beppe Grillo al telefono con una balneare, Mariolina Menicucci.

DownloadedFile-1Mariolina Menicucci, a tutti gli effetti una donnadamare (vedi storia), pubblica sul gruppo di Movimento Balneare una sua importante telefonata con Beppe Grillo, leader del Movimento 5 stelle.

“Per molti di noi, Beppe Grillo costituisce, o ha costituito il simbolo dell’antipolitica! una ventata nuova! Molte voci contrastanti si sono accavallate a proposito del promotore del Movimento 5 stelle. Sul palco è stato grandioso! Per una serie di fortunatissime circostanze,e grazie alla sua disponibilità, ho potuto conversare telefonicamente con lui per una decina di minuti. Gli ho detto, sintetizzando, che, grazie ad una feroce campagna mediatica,dovuta ad interessi da parte di poteri molto forti,la categoria non gode certo di popolarità. Lui ha confermato dicendo che siamo la casta e che molte concessioni sono state assegnate senza evidenza pubblica. Io gli ho chiesto un incontro, per il quale mi sarei avvalsa di persone più qualificate di me per poter mostrare il nostro punto di vista. Lui ha dichiarato che prima dobbiamo convincere il popolo, io ho risposto che spesso il popolo può essere influenzabile, come nell’antica Roma, quando si divertiva, col pollice verso, a far sbranare i cristiani. Lui mi ha offerto, gentilmente, la possibilità di fruire del suo blog per spiegare le nostre ragioni. Io gli ho fatto presente che per noi poteva costituire un boomerang, ma lui ha ribadito che segue le indicazioni dei suoi proseliti. Ringrazio di nuovo Beppe Grillo per la sua disponibilità, e per la chiarezza con la quale ha esposto la sua posizione a riguardo della nostra categoria.

Share

6 Responses to “Beppe Grillo al telefono con una balneare, Mariolina Menicucci.”

    • Codino Angelo

      Pensavo che Grillo fosse più’ sensibile alla tutela di 30000 aziende famigliari,visto che si continua a discutere di continue chiusure e conseguente perdita di posti di lavoro. PECCATO per questa occasione persa.

      Rispondi
      • donnedamare

        tu sei di Varazze… abbiamo esponenti del movimento 5 stelle che su fb, non molto tempo fà, hanno dichiarato di essere a favore delle spiagge libere… oltre a dimostrarsi poco sensibili per la tutela delle imprese familiari di Varazze, da cui essi traggono guadagno guadagno in modo indiretto, si sono dimostrati anche molto poco consapevoli del futuro delle spiagge post 2020. Non ci saranno spiagge libere, piuttosto grossi gruppi che faranno ciò che vorranno… mi dispiace che un movimento così si sia dimostrato così pressapochista

        Rispondi
  1. Codino Angelo

    Mi rattrista che il movimento 5 stelle con il quale condivido tante idee ci consideri una casta. Noi cerchiamo di tutelare la nostra sopravvivenza per non andare ad aggiungersi alla marea di disoccupati che aumenterà’ in modo esponenziale nei prossimi anni.Se consideriamo CASTA coloro che cercano di tutelare i loro legittimi diritti di essere impresa allora è inutile sbraitare tanto perché’ non abbiamo capito nulla.Noi vogliamo la concorrenza, ben venga, ma una legge iniqua, fatta da burocrati lontano anni luce dalle nostre realtà’ turistiche, ci vuole annientare favorendo così’ vere CASTE di predatori!!!!!!

    Rispondi
  2. Manzi Morena

    mi chiedo dove starebbe sta “casta”! La maggior parte di noi ha acquistato la possibilità di gestire l’azienda da concessionari che vendevano, non ci hanno regalato niente: Ci siamo indebitati, abbiamo venduto beni per poterci permettere di fare il lavoro che sognavamo, e tutto legalmente. Se davvero fossimo una casta ora non saremmo qui a parlarne, le vere caste hanno chi le protegge. E’ più facile usare la scusa della casta per rovinare una categoria che fa gola a molti, soprattutto fa gola a molti l’illusoria idea di poter avere a poco una concessione balneare! Poveri allocchi, se andranno via gli attuali concessionari allora si che vedrete cosa sono le caste

    Rispondi

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>