Bolkestein, Morganti: Pe indifferente crisi settore stabilimenti balneari

Pubblichiamo di seguito  le dichiarazioni rilasciate dall’ On. Morganti relativamente ai lavori del Parlamento Europeo in merito all’ applicazione della Direttiva Bolkestein.

Bolkestein, Morganti: Pe indifferente crisi settore stabilimenti balneari

– 11 settembre 2013 16:36 fonte ilVelino/AGV NEWSRoma
“Oggi il Parlamento europeo aveva l’occasione di rivedere il mercato interno dei servizi, incluse le problematiche legate alla Bolkestein, che rischia di affossare le nostre eccellenze territoriali, e invece solo 292 deputati, tra cui il sottoscritto, hanno votato contro una relazione in cui non vi era alcun riferimento alle conseguenze negative dovute all’applicazione della Direttiva Servizi in diversi Stati membri”. L’eurodeputato indipendente Eld Claudio Morganti ha commentato così il voto espresso oggi dalla plenaria di Strasburgo sulla relazione dell’eurodeputata del Ppe Anna Maria Corazza Bildt, riguardante la situazione attuale e le prossime tappe del mercato interno dei servizi. “Mi stupisce -ha dichiarato Morganti- che ben 366 deputati, ovvero quelli che hanno votato a favore, si siano mostrati indifferenti nei confronti della crisi che sta colpendo diverse categorie, tra cui quella dei balneari, che rischiano di trovarsi, a breve, senza lavoro”. “Sacrificare questo patrimonio di micro imprese a conduzione familiare, per lasciare spazio alle multinazionali del turismo, che non aspettano altro che mettere il proprio marchio sulle nostre coste, è un delitto -ha specificato- e a guadagnarci non saranno né i cittadini né l’economia europea”. “Lo stesso vale per la liberalizzazione selvaggia delle qualifiche per determinate categorie professionali, come le guide turistiche -ha aggiunto l’eurodeputato Eld- un’altra eccellenza italiana, le cui competenze sono frutto di una formazione rigorosa, volta a garantire il meglio per i turisti». Secondo Morganti, che ieri sera è anche intervenuto in Aula, a sostegno dei balneari, “la bocciatura di questa relazione sarebbe stata un calcio alla Bolkestein». “L’Europa-ha concluso l’europarlamentare toscano- dovrebbe posticipare l’applicazione della Direttiva Servizi a tempi più consoni, rispetto a quelli attuali, e soprattutto dovrebbe imparare a rispettare le peculiarità dei propri Stati

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>