Cinzia Cavolini a Piazza Pulita: Brava!!!

547578_10200259064711315_387817763_nFinalmente ci viene permesso di far sentire la nostra voce in una trasmissione televisiva per più di due minuti!

Tutto ciò è appena avvenuto a Piazza Pulita, la trasmissione di approfondimento politico su La7.

Cinzia Cavolini racconta la sua storia di concessionaria demaniale pertinenziale e lo fa in modo sicuro e chiaro… Usiamo la storia raccontata da lei per riassumere il suo intervento.

Cinzia Cavolini – 60.000 € annui, con 70 ombrelloni e 200 lettini

12 anni fa sono stata licenziata da un’azienda metalmeccanica, insieme ad altri quattro disperati come me abbiamo investito liquidazione, mobilità, cassa integrazione, praticamente tutto, per rilevare un edificio fatiscente che prevedeva un rinnovo quasi automatico e un canone di 5 milioni di lire, il nostro sogno era quello di riuscire a creare uno stipendio dignitoso, dopo 7 anni la concessione va all’asta e il canone (perchè l’edificio è di difficile rimozione) passa a 60 mila euro, con 70 ombrelloni e 200 lettini. Ho onorato tutti i miei debiti, ho accettato delle regole a cui mi sono attenuta, ma se le regole vengono cambiate in corso d’opera il risultato è che a fine anno dovrò riconsegnare la licenza, tenere a casa 4 dipendenti e sperare che Equitalia non mi pignori la casa di cui ancora sto pagando il mutuo. Quando mi hanno licenziata, ho lottato perchè quel datore di lavoro, dopo aver utilizzato soldi pubblici, chiudeva la nostra azienda per dare lavoro in nero alla cooperativa della nipote, oggi mi trovo a dover lottare sul principio che, se la mia azienda deve fallire, è perchè non sono una buona imprenditrice, ma per una legge europea, fatta da burocrati europei che non conoscono la tipicità del sistema balneare italiano.

Corrado Formigli, il presentatore di Piazza Pulita però, alla fine, considera le Aste come inevitabili… NOI NON NE SAREMO POI COSI’ CERTI!!!!

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>