COMUNICATO STAMPA UNITARIO ASSOCIAZIONI BALNEARI DELLA LIGURIA APPELLO DEI BALNEARI LIGURI ALLA REGIONE

wpid-avvocato-gabriele-cascino_261645.JPGABBASSATE LA NUOVA IMPOSTA O METTERETE IN GINOCCHIO IL SETTORE

“Condividiamo la finalità di tutelare la costa ligure dal dissesto idrogeologico, ma riteniamo che i relativi costi non debbano ricadere tutti sulle spalle dei balneari” – così esordiscono in una nota congiunta i rappresentanti di SIB Confcommercio, Fiba Confesercenti, CNA Balneatori, Assobalneari Confindustria e Oasi Confartigianato, le associazioni di categoria più rappresentative dell’intero comparto balneare ligure. “La tutela di un bene pubblico, qual è la costa ligure – continuano le associazion i- deve far parte di un progetto preliminare e complessivo, condiviso e cofinanziato dall’intera comunità produttiva che direttamente o indirettamente ne usufruisce, che individui le aree d’intervento, indichi il tipo di opera ammessa, chi sovraintenda il progetto e stabilisca a chi compete l’onere della manutenzione periodica. Non si risolvono sicuramente i problemi della nostra costa aumentando l’imposta esclusivamente per i balneari e demandando risorse e progetti alle singole amministrazioni comunali, senza una regia complessiva.” “L’attuale periodo di forte crisi, –sottolineano le associazioni liguri- sommata al quadro di incertezza sulla continuità aziendale legata alla cd ‘Bolkstein’, al pagamento di ICI e IMU (imposte che competono alla proprietà immobiliare e non a un concessionario) e all’IVA al 22% (rispetto al 10% prescritta per gli altri settori turistici), rendono inaccettabile ed insostenibile il passaggio dell’aliquota regionale dal 10% al 100%”. “Pur con tutte le difficoltà evidenziate –concludono le associazioni dei balneari- ci dichiariamo disponibili, nel quadro naturalmente di una progettazione e condivisione complessiva, a concorrere alla tutela della costa ligure, nella stessa percentuale di regioni a noi vicine con un aumento non superiore al 150% (passando quindi dal 10% al 25%) esclusivamente per i concessionari non pertinenziali e a fronte dell’impegno di rivedere il tutto in caso di aumento dei canoni demaniali nazionali, base imponibile per la determinazione dell’imposta regionale.” FIBA CONFESERCENTI – OASI CONFARTIGIANATO – ASSOBALNEARI CONFINDUSTRIA CNA BALNEATORI – SIB CONFCOMMERCIO Genova, 9 dicembre 2013

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>