Conferenza Incontro Fare per Fermare il Declino – positiva per i balneari

0Ieri sera siamo state invitate alla conferenza Fare per Fermare il Declino, con la presentazione dei candidati Liguri e con un incontro speciale con il professor Ugo Arrigo, docente di economia all’università la Bicocca di Milano, candidato in Lombardia..

Attraverso grafici molto esplicativi ha raffrontato i vari esempi economici europei facendo notare come i vecchi governi, nessuno escluso, abbiano creato un vortice di debiti insanabili… e, a detta del professore, inesauribili anche con il programma di austerità applicato dall’ultimo governo Monti.

Alla nostra domanda specifica sulla direttiva servizi C.E.  2006 il professor Arrigo ha risposto sottolineando come la nostra situazione in realtà sia già concorrenziale a sufficienza con la presenza degli stabilimenti distribuiti in tutta Italia. In più sottolinea l’efficacia degli stabilimenti e il perché della loro nascita, sottolineando il lavoro fatto dai vari concessionari andando a migliorare qualitativamente la risposta economica che, senza di loro, invece sarebbe gravata sul comune e di conseguenza sui cittadini. Sottolinea come il nostro sistema invece sia molto sviluppato ed efficace e inoltre afferma che forse sarebbe meglio se gli altri stati europei si affidassero al nostro sistema, efficace e basato su famiglie..lui stesso frequenta da più di quarant’anni lo lo stesso stabilimento ad Imperia.

Si è offerto volontario ad aiutare per trovare una via d’uscita dalla Bolkestein.

Per dovere di cronaca e, anche perché un amico, Fare per Fermare il Declino ha tra i candidati alla Camera per la regione Liguria anche Michele Parodi, fratello tra l’altro di un collega balneare di Varazze. Lo potete ascoltare nell’intervento che ha fatto in occasione del convegno del SIB. (clicca qui)

 

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>