DELFINARIO DI RIMINI: la verità di Monica Fornari

wpid-IMG_36189519499265.jpegAbbiamo ascoltato i tg impotenti… impotenti perché soprattutto il tg1 non ha dato a Monica, la nostra Monica, il diritto di replica alle accuse infamanti che le stanno facendo mezzo stampa.
Monica è accusata di dare medicine ai delfini, di drogarli.
RIsulta inoltre da diretta dichiarazione di Monica Fornari, proprietaria del famoso delfinario di Rimini, che ai delfini, il veterinario Manuel Hartmann abbia prescritto la pillola anticoncezionale che la legge impone per consanguineita’ (trattasi di mamma con tre figli e non si possono accoppiare tra loro). L’altra è uno stimolatore alimentare usato in  tutti i delfinari… in piccolissime dosi.
Tutto registrato, tutto scritto, insomma.

Un’altra accusa che viene fatta a Monica è quella di non avere la vasca per i delfini, imposta dalla legge, e che lei chiede i permessi per farla dal 1993.

Il Signor Ricci presidente di ITB ITALIA con la voce ferma e determinata ci manifesta il suo sdegno davanti ad una situazione surreale.
Beh la cosa fa pensare, come vittima, come capro espiatorio stavolta è stata scelta una nostra Amica, una collega che ama i delfini, che si dispera, urlando ai 50 agenti della CITES in assetto antisommossa accorsi per strapparle i 4 delfini per chiedere loro dove andranno a finire.
Non è dato sapere, non è dato avere risposte, non è dato parlare.
MA MONICA È UNA BRAVA PERSONA. Questo noi lo sappiamo. Forza Monica

wpid-IMG_36195078306638.jpeg

Nelle foto… tutte le macchine della polizia e la gru col braccio lungo per prelevare i delfini, la prima aveva braccio corto e hanno dovuto portarne un’altra. È arrivata prima la gru ma non i contenitori dove mettere i delfini che verranno divisi (una mamma con tre bambini)

Share

2 Responses to “DELFINARIO DI RIMINI: la verità di Monica Fornari”

  1. Vincenzo Barroi

    Ennesima stronzata della nostra bella giunta comunale, invece di investire nel miglioramento della nostra città, l’anno fatta andare a fondo.Invece di buttare soldi nel cesso come per esempio il pala congressi,la pista ciclabile o lo scempio che da anni circonda il nostro bellissimo ponte di Tiberio cantiere aperto ormai da 30 anni,hanno preferito investire negli emigrati,prostitute e malavitosi di ogni sorta che grazie al declino della nostra bella Rimini Hanno approfittato per mettere le mani su ogni cosa aggravando ancor di più questa patetica situazione.

    Rispondi
  2. Francesco

    Quello che si sta vendendo sui giornali e sulle televisioni e’ una articolata e stupenda campagnia di distorsione della realta’ e molte persone continueranno a discutere del tema, esprimendo oppinioni senza nessun conoscimento di causa.

    Fatti: Il delfinario di Rimini era la unica struttura in concorrenza diretta con il parco Oltremare.
    Oltremare viene comprato dal gruppo que fa capo alla famiglia Costa (potente famiglia di Genova, il nome vi ricorda qualcosa?).
    Il delfiniario di Rimini viene di fatto chiuso da un’azione senza precedenti in Europa, per ordine di un giudice, che non solamente non ha nessun tipo di esperienza professionale per giudicare sul benestare di questi animali, ma che non ha chiamato in causa specialisti del settore per valutare oggettivamente il caso.
    I delfini vengono trasportati all’acquario di Genova (di proprieta’ dello stesso gruppo che ha appena comprato il parco Oltremare di Riccione.

    Considerazioni:….un momento Oltremare ha cosi non solo il monopolio della riviera adriatica in quanto a spettacoli con delfini (che sicuramente adesso saranno chiamati presentazioni educative al modico prezzo di 30 euro a persona) ma ha cosi anche la possibilita’ (aspettando 4 o 5 mesi quando nessuno si ricordera del caso) di riportare questi stessi delfini a Riccione per usarli dentro la vasca di Oltremare.

    Alla fine l’unica cosa che non ha nessuna rilevanza in tutta questa storia e’ proprio il benestare degli animali, che vivono ora in una vasca di quarentena di dimensioni ridicole, (vi invito a chiedere ufficialmente le misure) che e’ una frazione delle vasca in cui sono nati e cresciuti. Non hanno nessuna interazione con le persone che si sono presi cura di loro per anni.
    Molti continueranno a parlare dei delfini, del loro bene, di cosa e meglio o peggio per loro, alla fine gli interessi economici di dimensioni molto cospique, sono proprio li sotto il naso di tutti e nessuno fa neanche attenzione.

    Rispondi

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>