Direttiva Concessioni: il comunicato e la versione di Fidanza

DownloadedFile-1Pubblichiamo il comunicato di Carlo Fidanza in merito alla direttiva concessioni. Anche se egli afferma che la direttiva concessioni non avrebbe riguardato il nostro comparto, adesso noi siamo più tranquilli, anche in virtù di ciò che accadde nel lontano 2006.

Cliccare sulla foto per leggere l’articolo

 

L’articolo che,  pur avendo la data di oggi, riporta un comunicato di Carlo Fidanza risalente a circa una settimana fà. Pubblichiamo, per fare chiarezza,  la risposta dell’europarlamentare Claudio Morganti.

BALNEARI: MORGANTI (ELD), FIDANZA CONTINUI CON NOI LA BATTAGLIA A FAVORE
(AGENPARL) – Bruxelles, 18 gen – “A seguito delle dichiarazioni del collega Fidanza, ci tengo a precisare che io e i miei colleghi abbiamo presentato degli emendamenti alla Direttiva Concessioni, come richiesto espressamente dalle associazioni di categoria, per evitare che si venisse a creare un nuovo ‘capitolo’ Bolkestein”. L’europarla mentare toscano Eld, Claudio Morganti, ha risposto così alle affermazioni del collega Carlo Fidanza, che oggi ha detto: “Non sarà la Direttiva Concessioni a restituire speranze alle imprese balneari del nostro Paese”. Fidanza ha smorzato l’entusiasmo dei colleghi Morganti eComi, che ieri si erano espressi positivamente in merito all’incont ro di mercoledì scorso, a Strasburgo, sulle concessioni demaniali marittime, definito da Morganti “un passo avanti perché si è cercato di risolvere il problema delle concessioni balneari, decidendo di escludere questo settore dal campo di applicazione della Direttiva Concessioni . Durante quell’incontro, aperto a tutti i colleghi interessati a salvare le 30.000 aziende balneari italiane -ha sottolineato l’eurodeputato Eld- abbiamo ribadito che è nostra intenzione aprire un tavolo, con gli altri europarlamentari e il commissario Barnier, per discutere, in modo concreto, di queste imprese che rappresentano un’eccellenza nel nostro Paese”. “Mi auguro che il collega Fidanza continui insieme a noi la battaglia a favore della categoria balneare − come ha dimostrato di voler fare anche in altre occasioni − senza perseguire individualmente delle strade che non porterebbero ad alcun risultato”. Ha concluso l’europarlamentare di Eld.
com/mto 181628 GEN 13 
Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>