Donnedamare alla Convention AmbiTur di Castelvorturno

AmbiTur

CONVENTION A SOSTEGNO DELLE PMI

DEL SETTORE TURISTICO RICETTIVO E BALNEARE

Gran Galà

0

 

Siglato il protocollo di intesa tra l’associazione Globe4.me,  e l’ Hyppokampos Eco Resort . La sinergia tra le due realtà è nata per mettere in campo azioni di tutela, salvaguardia e riqualificazione ambientale.

A firmare la partnership sono stati il presidente di Glob4me Antonio De Magistris e Sergio Pagnozzi, creatore e ideatore del parco Hyppo Kampos, oggi candidato al premio Unesco “La fabbrica del Paesaggio”. Dall’accordo nasce l’evento “Ambitur” una convention su ambiente e turismo che avrà luogo venerdì 6 settembre, a partire dalle ore 18,  presso l’ eco resort di Castel Volturno a cui parteciperanno  rappresentanti istituzionali e operatori del settore turistico balneare.

“La nostra rete di imprese approda in Campania con un nuovo progetto in ambito turistico e ambientale denominato Ambitur e insieme all’ Hyppo Kampos Resort porteremo avanti iniziative per la tutela e la salvaguardia dei nostri territori – dichiara il Presidente di Globe4.me Rete di Imprese Antonio de Magistris –  Siamo in tour in tutta Italia da tempo per con il progetto “Riprendiamoci le spiagge”  per incontrare i balneari italiani in lotta contro la direttiva Bolkestein, che rischia di minare il settore turistico ricettivo italiano attraverso la messa all’asta delle concessioni demaniali. Per l’appuntamento campano abbiamo scelto l’Hyppo Kampos che rappresenta un’ eccellenza made in Italy del  turismo ecosostenibile”.

 “L’evento che ospitiamo – afferma Pagnozzi – è l’occasione per riunire allo stesso tavolo imprenditori, istituzioni, associazioni di categoria e esponenti del mondo della ricerca”.  Il progetto ”Hyppo Kampos ecoresort”, è al momento il più esteso intervento di riqualificazione territoriale della Campania.

All’evento Ambitur sarà presente l’europarlamentare, vice capo delegazione PD  On. Andrea Cozzolino che lancerà una petizione per modificare la direttiva Bolkestein che rischia di minare il settore balneare “made in Italy” : ““Bisogna evitare che l’applicazione della direttiva Bolkenstein e la conseguente e automatica messa al banco pubblico delle spiagge riconosciute come beni demaniali, metta a rischio il lavoro e gli investimenti di migliaia e migliaia imprese di settore, la stragrande maggioranza delle quali, piccole e medie imprese a gestione familiare, che hanno investito e impegnato mezzi e risorse in una prospettiva pluriennale di utilizzo delle spiagge. Il Governo italiano allora deve avviare un percorso con l’Europa che, nel più breve tempo possibile, consenta di elaborare una piattaforma da accompagnare alla notifica di proroga dell’applicazione della direttiva e che dimostri, da un lato, le specificità del caso italiano e, dall’altro, la volontà di intraprendere un percorso di modifica complessiva dell’intero sistema. Solo in questa maniera potremmo cogliere l’occasione duplice di concordare una proroga con la Commissione, che ci eviti le sanzioni, sulla base di una piattaforma di cambiamento di un sistema che va salvaguardato e, proprio per questo, va adeguato alle esigenze dei tempi, evitando aspri e controproducenti contrasti con le norme dell’Unione Europea”.

Saranno altresì presenti al Gran Galà dell’ Hyppo Kampos  personalità del mondo politico, civile, associazionistico, militare e religioso.  Al governatore Stefano Caldoro sarà consegnato  il libro “Storie d’amare di Donnedamare” e numerosi riconoscimenti nel corso del Galà, condotto dalla giornalista Francesca Scognamiglio, verranno attribuiti a coloro che si sono distinti per l’impegno profuso a favore dell’ambiente.

Seguirà al dibattito una cena a base di prodotti tipici della Campania e uno spettacolo con  Simone Schettino, i Pummarola Sound Band e il Marco Fiorenzano Quartet.  Ospite d’onore: Barbara De Rossi. Madrina dell’evento: Francesca Fioretti.

 

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>