Elezioni Liguria, il PDL in rivolta dopo le scelte per le liste: il Senatore Orsi rifiuta la candidatura.

Pubblichiamo l’ansa che spiega i motivi della rivolta all’interno del PDL dopo le scelte per le liste. Noi di Donnedamare non possiamo che unirci a questo dissenso, appoggiando il Senatore Franco Orsi e il presidente della Provincia Angelo Vaccarezza, che da sempre appoggiano noi balneari

(ANSA) – GENOVA, 20 GEN – Scissioni e rivolte. Il Pdl ligure e’ una polveriera, dopo il ‘ritiro’ della candidatura di Claudio Scajola, avvenuta quando l’ex ministro ha capito che c’erano troppe riserve sul suo nome, e la scelta da parte dei vertici del partito nazionale di indicare Daniele Capezzone capolista al Senato e di marginalizzare gli scajoliani. E ora i fedelissimi dell’ex ministro si domandano se ha ancora senso sostenere il partito.

Il senatore Franco Orsi, scajoliano, che era quarto nella lista per il Senato, con probabilita’ nulle di elezione, ha ritirato la candidatura. ”Ritiro la mia candidatura perche’ con quei capilista (Daniele Capezzone al Senato, Sandro Biasotti ed Eugenio Minasso alla Camera) non ci sentiamo rappresentati. Non faro’ il gregario. Mi sento tradito dal partito e con me altri candidati si ritireranno. Sono liste assurde. Tra una settimana decideremo cosa fare prima del voto. Per quelle valutazioni abbiamo ancora tempo per decidere”. No anche dal senatore uscente Gabriele Boscetto (terzo al Senato), ma pare per motivi personali, che sara’ sostituito probabilmente da Walter Torassa (direttivo Pdl imperiese). coordinamento spezzino tuona: ”O i vertici cambiano le liste o sara’ guerra totale”, dice il coordinatore Giacomo Gatti che aveva indicato Luigi Morgillo, vicepresidente del Consiglio regionale ligure, candidato. Lo stesso Morgillo annuncia che domani lascera’ il partito e formera’ un nuovo gruppo in Regione. Da Savona il presidente della Provincia Angelo Vaccarezza fa sapere che indichera’ agli amici chi votare. ”Il Pdl e’ un partito che purtroppo non ha il rispetto di chi lotta tutti i giorni sul territorio. Mi auguro che Berlusconi guardi piu’ in basso”. Da Imperia, l’avvocato Piera Poillucci, ritira la candidatura per la Camera e attacca il collega di partito Eugenio Minasso, n.2 della lista. ”Hanno rinunciato a Scajola perche’ era finito sotto inchiesta, ma forse ai vertici del Pdl non e’ noto, come ho appreso all’udienza del processo contro i componenti della famiglia Pellegrino (indagati per ‘ndrangheta) che qualche esponente del mio partito aveva amicizie chiacchierate con loro”. Insomma gli scajoliani sono in rivolta ed e’ difficile non pensare che nell’immediato futuro non ci siano fratture nette. (ANSA).

YL3-MOI
20-GEN-13 18:40 NNNN

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>