Federalberghi fa una proposta per le imprese balneari su Destinazione Italia

image

Da Antonio Smeragliuolo e Bettina Bolla

Fino al 9 dicembre 2013 si può  partecipare alla consultazione pubblica online sul piano “Destinazione Italia”, approvato dal Consiglio dei Ministri per attirare gli investimenti esteri e favorire la competitività delle imprese italiane.

All’indirizzo www.destinazioneitalia.gov.it vengono raccolte opinioni e suggerimenti sul piano di 50 misure voluto dal Governo per attrarre gli investimenti esteri e migliorare l’ambiente d’impresa in Italia. Si tratta di 50 misure che toccano un ampio spettro di settori: dal fisco al lavoro, dalla giustizia civile alla ricerca.”

Antonio Smeragliuolo ci segnala  che cliccando su  http://destinazioneitalia.gov.it/misura_slug/m24-valorizzare-i-beni-demaniali/si può leggere la proposta, peraltro condivisibile, di Federalberghi. Ciò che stupisce e’ la totale assenza delle proposte da parte della nostra categoria.

Ecco la proposta di Federalberghi.

“In Italia sono attivi circa 28.000 stabilimenti balneari, disseminati lungo 7.458 chilometri di costa. Gran parte di questi operano su aree demaniali.Le imprese che operano sul demanio marittimo si trovano attualmente ad affrontare, oltre all’incertezza economica per il ciclo sfavorevole, un’incertezza normativa che pregiudica il rinnovo delle concessioni.Il problema assume una dimensione ancor più gravosa per le attività ricettive in cui l’uso di aree demaniali costituisce un’utilità strettamente inerente all’esercizio dell’impresa.In questi casi, la concessione è uno strumento indispensabile per offrire alla clientela i servizi di spiaggia, che costituiscono la componente essenziale della vacanza di tipo balneare.Federalberghi propone una serie di interventi volti ad assicurare la sopravvivenza delle imprese alberghiere che operano sulle aree demaniali, quali ad esempio:- assicurare alle imprese concessionarie di beni demaniali il diritto al lorouso produttivo per un tempo sufficiente ad ammortizzare gli investimentieffettuati;- istituire un diritto di prelazione in favore dei titolari delle concessioni;- commisurare l’entità dell’indennizzo spettante al concessionario uscente al valore complessivo dell’attività e del danno che alla stessa viene arrecato e non unicamente al valore dei beni che insistono sull’area demaniale;- definire una tutela rafforzata per i casi in cui la revoca della concessione determinerebbe una mutilazione dell’impresa, provocando alla stessa un danno grave ed irreparabile;- sdemanializzare le strutture fisse realizzate sulle aree demaniali”

Share

2 Responses to “Federalberghi fa una proposta per le imprese balneari su Destinazione Italia”

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>