Fritz Bolkestein: “Non è possibile mettere insieme un gruppo di paesi così eterogeneo con differenti culture economiche”

DownloadedFileFritz Bolkestein, ex ministro del commercio nei Paesi Bassi, commissario EU dal 1999 al 2004, autore della direttiva Bolkestein, il cui obiettivo, come purtroppo sappiamo, era l’eliminazione degli ostacoli burocratici e delle barriere nazionali nel settore dei servizi ha recentemente sottoscritto il Manifesto di Solidarietà Europea, schierandosi contro l’EURO, proponendo il sistema di valutazioni parallele per fermare l’unione di trasferimento.

Con il ‘Manifesto’ i 17 economisti europei provenienti dal Sud e dal Nord dell’Eurozona, e da paesi europei non ancora entrati nell’euro, sottolineano – si spiega in una nota – come “l’Eurozona, nella sua forma attuale, costituisca una seria minaccia al progetto di integrazione europea”. E quindi “la strategia che offre le migliori opportunità di salvare l’Unione Europea sia una segmentazione controllata dell’Eurozona, da ottenere tramite l’uscita mutuamente concordata dei paesi più competitivi, accordandosi su un nuovo sistema di coordinamento delle valute europee, volto a prevenire guerre valutarie e fluttuazioni eccessive dei cambi fra paesi europei”. Inoltre “l’obiettivo del ‘Manifesto di Solidarietà Europea’ è quello di mostrare come l’uscita controllata dei paesi più competitivi (Germania, Olanda, Finlandia ecc.) rispecchi anche l’interesse dei paesi del Sud, e come questa soluzione offra le migliori opportunità di salvezza per l’Unione Europea e il Mercato Comune Europeo”.

Riportiamo le parole di Fritz Bolkestein, che in una nota ha affermato “Non è possibile mettere insieme un gruppo di paesi cosi’ eterogeneo con differenti culture economiche. L’esplosione del debito in Grecia e in Itala era prevedibile” (http://vocidallagermania.blogspot.it/2013/10/anche-per-bolkestein-leuro-e-un.html) e ci domandiamo come mai non si capisca nel nostro paese e in Europa gli stessi limiti di una legge, la Bolkestein, fatta proprio da chi oggi è uno dei  maggiori euro-scettici e, che sta  procurando grandi  problemi al nostro Paese in alcuni settori e soprattutto nel nostro, perché abbiamo un sistema economico e organizzativo diverso di quello di altri Paesi europei e al contempo un sistema balneare che è un unicum in Europa, che va tutelato da chi ci governa, chiedendo a gran voce l’esclusione dalla stessa.

Che l’euro-scettico Mr Bolkestein si sia ricreduto anche sulla Direttiva Servizi proprio in virtù delle sue affermazioni riportate sopra?

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>