Genova, ‘Cambi di costume’ alla Loggia della Mercanzia.

image

Viene inaugurata venerdì 4 aprile alle ore 17.30 nella Loggia della Mercanzia di Piazza Banchi la mostra ‘Cambi di costume’. Storie e immagini della vita balneare degli italiani’, un percorso attraverso l’evoluzione del costume da bagno in Italia con una selezione di materiali originali: manifesti pubblicitari, fotografie d’autore, cartoline e pieghevoli, riviste, cinegiornali Luce, filmati RAI e frammenti del cinema italiano”. “L’esposizione, curata da Anna Zunino e Francesco Calaminici, riedita un lavoro di ricerca presentato per la prima volta nel 2007 a Camogli, offrendo un numero maggiore di opere e documenti sulla storia balneare a Genova e in Liguria. Dalla nascita della cultura balneare in Italia attorno al 1860, quando vedono la luce i primi stabilimenti balneari a Livorno, Venezia, Rimini, Viareggio e Genova, l’esposizione racconta, attraverso la storia del costume da bagno, i “cambi di costume” della società. Le illustrazioni in bianco e nero, i manifesti e depliant turistici, le foto d’epoca mostrano i primi stabilimenti balneari su palafitte e le toelette da spiaggia, completi formati da tuniche e mutandoni al polpaccio con colli alla marinara, cappelli di paglia e ombrellini di pizzo. Particolarmente suggestivi i manifesti realizzati nel 1905 dal celebre illustratore Pipein Gamba per il Grande Stabilimento Bagni di Sanremo”. “Gli anni Venti consacrano la figura di una donna più sportiva che abbandona busto e corsetti per adottare, in spiaggia, il costume di maglia elasticizzata; una tendenza che si afferma, con ancora più vigore, negli anni Trenta. Una selezione di fotografie dell’ Archivio Fotografico del Comune di Genova e alcuni filmati della Fondazione Ansaldo presentano i “cambi di costume” più significativi: il gusto di una vita libera, sportiva e giovane, la nascita delle colonie, le vacanze popolari per tutti mutano l’approccio con il mare e la moda. Si va in spiaggia senza cappello di paglia, il costume non è più amorfo, ma s’incolla alla pelle, è in maglia elasticizzata, si riduce sempre più. Nei manifesti di promozione turistica è un vero inneggiare al soggetto femminile, grazioso e sorridente, che mostra, senza offendere il pudore, linee sinuose, gambe e braccia. Sul tema della vacanza in località marine, con manifesti, locandine e bozzetti, si esercitano i migliori disegnatori dell’epoca: Dudovich, Riccobaldi, Puppo, Romoli, Patrone, Ortino e Migliorati”. “A generare il più esplosivo cambio di costume è, nel 1946, la nascita del bikini, indossato, per la prima volta in Italia, da Lucia Bosè, nel ’47, al concorso di Miss Italia a Stresa. Una passerella che lancia le maggiorate e le giovani attrici, immortalate nei filmati RAI e nelle foto dei Bagni Lido di Genova, organizzatore della selezione regionale. Negli anni Cinquanta c’è voglia di dimenticare la guerra, di divertirsi. Scoppia la febbre dell’abbronzatura, cambiano le forme, i tessuti dei costumi sono sempre più leggeri, impalpabili. Il bikini arriva nelle spiagge: come illustrano i manifesti e i bozzetti di Mario Puppo, Filippo Romoli, Leo Pecchioni e gli ironici manifesti realizzati per la Rinascente dalla svizzera Lora Lamm, le foto d’autore dei grandi maestri dell’obiettivo (Mario De Biasi, Gianni Berengo Gardin, Franco Fontana), gli articoli e le immagini di riviste come Epoca, Annabella, Arianna e L’Europeo, provenienti dall’emeroteca dell’Archivio storico della pubblicità di Genova, che conserva anche la maggior parte dei manifesti e bozzetti originali esposti in mostra. Negli anni Sessanta i costumi sono ormai sgambati e i bikini, sempre più ridotti, diventano aderenti come una seconda pelle, grazie alla scoperta di una nuova fibra, la Lycra, che dà comfort e vestibilità. E il cinema italiano dedica alla spiaggia e alla sua moda un nuovo genere di film: gli “spiaggiarelli”. Che hanno come punto di forza quello di mostrare la attrici italiane, in bikini, in riva al mare. Gli ultimi decenni del Novecento sono visti attraverso l’obiettivo di un unico autore della fotografia contemporanea, Enrico Bossan, con una selezione monotematica raccolta in videoproiezione. Grazie alla collaborazione di collezionisti privati sono esposti alcuni modelli vintage di costumi, risalenti agli anni ’40-’50-’60”. 

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>