I cantieri navali all’asta in Italia: al miglior offerente estero

I Cantieri navali come apprendiamo dal’ sito regione Liguria all’asta a partire da gennaio 2013, per legge ora non hanno più titolo concessorio, diventando in pratica abusivi poiché la proroga dei 5 anni, come asserito da Gabriele Cascino, assessore all’urbanistica e alla pianificazione territoriale e demanio della regione Liguria, al loro settore non e’ stata accordata. Un settore che da sempre ha rappresentato la storia italiana venduto ai migliori offerenti Esteri, speriamo che il governo intervenga tempestivamente. Questo e’ un altro esempio dei danni arrecati dalla direttiva Bolkestein alle imprese, all’occupazione e agli investimenti

Share

3 Responses to “I cantieri navali all’asta in Italia: al miglior offerente estero”

  1. Codino Angelo

    È’ una legge spregevole fatta a danno delle migliori peculiarità’ italiane.Possibile che nessun politico se ne renda conto basta con questa fobia contro l’Italia.

    Rispondi
  2. piero bellandi

    non è la direttiva ma come questa viene usata per gli interessi di pochi a danno di tutti

    Rispondi

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>