Il Ministro Bray capisca l’urgenza del salvataggio dell’attuale comparto balneare italiano

brayDa Antonio Smeragliuolo e Bettina Bolla
Giovedì 30 gennaio 2014
Interrogazioni a risposta immediata ai sensi dell’art. 151-bis del Regolamento al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo. http://www.senato.it/2768

Chissà se nel frattempo il Ministro Bray avrà compreso che il turismo primario in una penisola è quello del Mare, chissà lui che ama leggere, se avrà letto che è grazie ai primi Bagni Marini che si sono poi sviluppati i paesi e le città ora famose nel mondo, chissà se avrà letto il nostro libro di Donnedamare consegnatogli a Genova il settembre scorso, chissà se il Ministro e lo Stato capiranno che salvare l’attuale Comparto Balneare Italiano, ORA NEL DECRETO VALORE TURISMO darebbe modo di far ripartire l’industria del turismo, facendo ripartire gli investimenti e la programmazione occupazionale, chissà se il Ministro relazionerà dei diritti legittimamente acquisiti che ci hanno sottratto, piegando il diritto, le nostre vite, la nostra dignità. Chissà se la logica economica-politica di uno Stato assoggettato all’europa, potrà difendere le sue pecularietà, le sue 30000 imprese balneari, non vessandole di tasse, ma facendole nuovamente sviluppare per migliorare il loro giro d’affari, così da garantire allo Stato la protezione del suo affidamento a noi, di un diritto speciale ed esclusivo, al fine di perseguire un interesse economico generale.

Il settore balneare rappresenta la punta di diamante dell’Industria del Turismo Italiano, troppo spesso però veniamo dimenticati. 30 mila imprese e le famiglie che ci operano, 60 mila donne perderanno il lavoro, gli investimenti e la vita se non provvederete a salvarci immediatamente. RicordandoLe che il comparto balneare italiano è escluso dalla Direttiva Servizi all’articolo 2 comma 1 lettera a, c in quanto attività connesse con l’esercizio di pubblici poteri al fine di perseguire un interesse economico generale!!!!!!

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>