Il SIB combatte la crisi: sconti negli stabilimenti balneari

20130426-080646.jpgSavona – Il Sindacato italiano Balneari dà la scossa ai gestori dei bagni marini in vista dell’estate della crisi. Lo fa consigliando di mantenere le stesse tariffe praticate nel 2012, per mantenere il rapporto di fiducia con i clienti storici, ma soprattutto proponendo un fitto piano di sconti e promozioni, per affrontare a viso aperto il calo delle presenze. Ecco alcune delle idee messe sul piatto: offerte speciali per chi arriva a spiaggia nel primo pomeriggio, con tariffe ridotte fino al 50 per cento. Condivisione di un ombrellone tra più nuclei familiari. Possibilità di saldare il conto a rate o a fine stagione. Ma il Sib non si ferma qui con le proposte e rilancia: weekend gratis nel caso di abbonamento settimanale, servizi di spiaggia scontati ai primi 20 clienti della giornata, 3 lettini al prezzo di 2.

«Anche la nostra categoria – dice Riccardo Borgo, presidente del Sib – ha messo in preventivo per questa estate un’ulteriore contrazione dei consumi, a causa della difficile situazione economica. Ma dobbiamo continuare a mantenere la fiducia dei nostri clienti in difficoltà, tenere in grande considerazione le loro esigenze, in virtù del rapporto personale che contraddistingue le nostre imprese, quasi tutte a gestione familiare». I gestori dei bagni savonesi approvano buona parte del piano del Sib ma, per alcune proposte, storcono il naso. Ritengono che il nostro territorio, e soprattutto il giro di clientela che gravita intorno alle nostre spiagge, non sia adatto per mettere in pratica certe tipologie di promozione.

«Lo sconto del 50 per cento si può fare – confermano ai Bagni Aurora, al Prolungamento di Savona -. Il pagamento a rate o a fine stagione già lo mettiamo in pratica, a seconda delle esigenze dei clienti. Non ho mai sentito parlare invece del servizio scontato per i primi 20 clienti della giornata: non credo che, oggi, a Savona ci sia qualcuno che lo pratica e con la nostra clientela abituale, non credo che il gioco varrebbe la candela». «Già lo scorso anno praticavamo sconti del 30 per cento a chi arrivava a spiaggia nel primo pomeriggio, o comunque dopo pranzo – confermano ai Bagni Italia, alle Fornaci – L’idea dell’ombrellone condiviso tra più famiglie è valida: molti dei nostri clienti già oggi si gestiscono il tempo sotto l’ombrellone. Lo consentiamo anche per la cabina, fino a sei nuclei familiari. Invece credo che la proposta di weekend gratis per chi sottoscrive un abbonamento settimanale non sia adatta alle nostre spiagge. La clientela che riceviamo è al 90 per cento composta da gente del posto, molti dei quali prenotano il mese o addirittura la stagione». In questi giorni i gestori degli stabilimenti balneari, così come i titolari di alberghi e ristoranti, si stanno consumando gli occhi ad osservare lo schermo televisivo e quello del pcnella speranza di vedere previsioni meteorologiche positive per il weekend. «Il successo del primo ponte di primavera dipenderà, ovviamente, dalle condizioni atmosferiche – ammette Borgo – ma dopo un inverno rigido e soprattutto molto piovoso come quello di quest’anno, c’è grande voglia di sole. Sicuramente saranno privilegiate le strutture situate nei litorali vicini alle grandi città». Ad Albissola Marina e Superiore sono diversi gli stabilimenti balneari che hanno già messo in funzione i servizi della spiaggia. «Bar e ristorante saranno già regolarmente aperti» confermano ai bagni Acqua Limpida di Albissola Marina.

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>