Lina e Ige, nonna e mamma damare

NONNA E MAMMA DAMARE. 

Il sole va giù tuffandosi nel mare.

E’ uno dei momenti più belli della giornata, ho finito di sistemare la spiaggia e mi godo l’ordine degli ombrelloni che, sulla spiaggia stacciata, sembrano birilli su un biliardo dai riflessi rosati e arancioni del tramonto.

Mi vengono in mente mia nonna e mia madre nei ricordi del bagno oceano, due donne damare, e cerco di trasferirle nella realtà chiamandole li accanto a me dopo il rito serale dello spazzamento delle passerelle.

Grazie a voi è stato bellissimo vivere e lavorare sul mare con la mia famiglia e altresì far crescere Arianna e Alessia sui passi dei nonni e dei bisnonni con mio orgoglio e soddisfazione. Mi sarebbe piaciuto avervi presenti in tutti quei piccoli momenti importanti che ho vissuto.

I loro primi passi instabili sulla sabbia, la prima abbronzatura sulla pelle ancora troppo fragile, il battesimo del mare con la prima boccata di acqua salata.

Vederle crescere nel sale, nelle libecciate insieme ai bagnanti che da anni passano estati al Bagno Oceano.

Seguirle su quel fazzoletto di spiaggia che per loro è diventata la loro cameretta, la loro isola felice, dove coltivano amicizie, prime simpatie nei ricordi delle giovani estati. Tutto questo si deve a voi, Lina e Ige, ed io, ho voluto rispettare quello che mi avete lasciato cercando di migliorarlo, buttandoci anima e corpo.

Ho speso energie a volte al di sopra della mia portata ma il legame con il mio lavoro è paterno.

La mia donna damare, mia moglie Marinella, si è accollata la preoccupazione di entrare in un lavoro a lei sconosciuto sentendo enormemente il peso di sostituire due donne che sono sempre state la storia del Bagno oceano e, il suo sforzo mi fa onore per come è riuscita ad inserirsi nel mondo balneare. Nonna, Mamma dall’alto cercate di aiutarci, i vostri tempi erano sicuramente migliori sotto tutti gli aspetti, noi abbiamo un futuro incerto ma proprio nel vostro ricordo non molleremo e staremo sempre attaccati a quelle radici che sempre vivono e ci tengono legati a quella spiaggia che ha visto i vostri sacrifici e la storia della nostra famiglia.

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>