Liguria: Balneari contro la Regione e intanto si montano le cabine

(fonte http://portofinonews.it)

Si comincia a lavorare sulle spiagge del Tigullio per montare le cabine in vista dell’estate; ma le facce dei titolari di stabilimenti balneari sono tutt’altro che rilassate. A preoccupare i bagnini non è solo l’incognita del meteo, ma le nuove norme varate della Regione Liguria in tema di apertura spiagge (che potete leggere in fondo all’articolo).

 

Una serie di provvedimenti che ha spinto la Cna Balneatori Liguria a inviare una lettera a tutti i comuni chiedendo di non applicare le nuove norme fino alla fine del mese di aprile in attesa di ridiscuterle con la Regione Liguria.

 

«Ad aprile fa ancora freddo, a ottobre le scuole sono aperte – spiega Alessandro Riccomini, presidente Cna Balneatori Liguria – se la domanda non c’è a cosa serve proporre un’offerta?». Più diplomatica la posizione di Fabrizio Licordari, presidente nazionale Assobalneari «se le regole ci sono vanno rispettate. Anche a noi non piacciono e abbiamo già proposto una serie di osservazioni alla Regione che non ci ha mai risposto. Le nuove norme devono incentivare e non scoraggiare. Mi sembra siano state fatte con leggerezza. Piuttosto discutiamo della sicurezza: facciamo una legge per cui noi gestori e bagnini possiamo vietare di fare il bagno con la bandiera rossa».

 

Comunque vada questo confronto, il 1 maggio le spiagge apriranno tra l’incertezza della crisi e quella del meteo. «I clienti storici hanno confermato – dice Riccomini – credo però che il ponte del 25 aprile possa essere la cartina di tornasole di come sarà la stagione». «Io credo che non si possano fare previsioni – ammette Licordari – la crisi si sta facendo sentire troppo. L’andamento della stagione la vedremo giorno dopo giorno».

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>