Limitatezza dei beni?!? Una farsa!!!

image

Da Antonio Smeragliuolo
Porto Vecchio di Trieste, spazio alle concessioni

 Un waterfront di tre chilometri da riqualificare e utilizzare per nuove attività portuali commerciali, per la nautica o anche per iniziative legate alla formazione. Parliamo dei sessantacinque ettari fronte mare del Porto Vecchio di Trieste, per i quali l’Autorità portuale ha da poco avviato un procedimento che consentirà la concessione delle aree che racchiudono un complesso di beni architettonici di valore storico (tutelati dal ministero dei Beni Culturali), godendo inoltre del regime di Porto Franco. L’Authority triestina ha anche manifestato la volontà di provvedere a infrastrutturare tutta la zona con importanti investimenti, per renderla collegata alla città. I beni demaniali marittimi possono essere richiesti in concessione mediante apposita domanda entro il 30 giugno 2014, secondo le indicazioni pubblicate sul sito dell’Ap.

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>