Mara Bizzotto altra interrogazione alla Commissione

wpid-bizzotto-300x168Dal mio caro amico Antonio Smeragliuolo

Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-004962/2014 alla Commissione

Articolo 117 del regolamento

Mara Bizzotto (EFD)

Oggetto:     Preoccupazioni delle imprese balneari italiane

La competitività delle 30.000 imprese turistiche italiane operanti nel settore della balneazione – stabilimenti, camping, alberghi, ristoranti etc. – è minacciata non solo dal loro svantaggio competitivo rispetto alle imprese concorrenti situate in altri paesi europei, dove ad esempio le concessioni demaniali sono più lunghe, ma anche dagli effetti negativi determinati dalla mancanza di nuovi investimenti nel settore, inibiti dalla precarietà normativa che attualmente caratterizza le imprese che operano sul pubblico demanio. A gravare sul settore balneare è la direttiva Bolkestein che minaccia pesantemente la sopravvivenza delle imprese italiane del settore. Il 17 marzo 2014, ad Atene, il Commissario europeo agli affari marittimi Maria Damanaki ha dichiarato che la Commissione modificherà la direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno, la cosiddetta direttiva Bolkestein, nella parte che riguarda le concessioni balneari perché “i vincoli applicati alle concessioni demaniali sono troppo rigidi”. Inoltre, lo scorso marzo 2014, le principali associazioni di categoria del settore, che rappresentano il 95% degli operatori italiani hanno redatto un documento comune in cui indicano chiaramente gli interventi di cui necessitano per riconquistare competitività a livello europeo.

1.    Ciò premesso, può la Commissione far sapere se intende tutelare il riconoscimento del valore commerciale delle imprese qualora, per cause di forza maggiore, il titolare dovesse perdere la concessione?

2.    Intende prevedere l’adeguamento della durata per le nuove concessioni a quella minima, di almeno 30 o più anni, e comunque a quella minima di tutti gli altri paesi europei, al fine di salvaguardare le caratteristiche storiche e peculiari della balneazione attrezzata italiana costituita da imprese familiari in cui è centrale il fattore lavoro?

3.    Intende riconoscere il diritto di opzione da riconoscere all’attuale concessionario?

Il consiglio Donnedamare: (nuova rubrica per essere indipendenti anche nel cercare le notizie… da tutti, da chi non ve le vuole dare, da chi ve la fa pesare, da chi ve le dà sbagliate, da chi è troppo titolato e da chi non lo è per nulla)

  • Ecco il link dove andare a cercare tutte le interrogazioni

http://www.europarl.europa.eu/plenary/it/parliamentary-questions.html#sidesForm

  • flaggare: tutte le interrogazioni e mettere il nome dell’eurodeputato che le fa, di solito Mara Bizzotto, Claudio Morganti

Ricordiamo che Mara Bizzotto il mese scorso aveva posto un’altra interrogazione http://www.donnedamare.it/bizzotto-interrogazione-alla-commissione-concessioni-balneari-possibile-revisione-della-direttiva-servizi-2006123ce/  che non ha ricevuto ancora risposta.

Precedenti interrogazioni

E-010266/2012 e E-001198/2013

Share

One Response to “Mara Bizzotto altra interrogazione alla Commissione”

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>