Michela Hublitz: «La pressione fiscale è al 70% ed è un peso insopportabile per le imprese italiane»

image

GROSSETO – «La pressione fiscale è al 70% ed è un peso insopportabile per le imprese italiane». Con queste premesse, spiega Michela Hublitz presidente di Rete Imprese Italia, la “super associazone” che mette insieme commercianti e artigiani, lancia l’allarme sull’imminente aumento di un punto percentuale dell’Iva. Una misura che il governo sembra non poter rinviare. C’è bisogno di «varare misure che diano risposte immediate a famiglie e imprese che ormai sono allo stremo.»«Misure – spiega la Hublitz – che dovrebbero produrre immediatamente segnali di un’inversione di tendenza rispetto alle politiche del rigore e dell’austerità del passato e quindi creare le condizioni di una ripresa dell’economia, sul tipo di quelle adottate con la conferma dei bonus sulle ristrutturazioni e il risparmio energetico. Viceversa, il Governo conferma, di fatto, in queste ore il ricorso alla leva fiscale attraverso l’aumento dell’Iva dal 1 luglio, dimenticando i gravi effetti negativi che questa misura produrrebbe sull’economia reale: ulteriore contrazione dei consumi, chiusure di imprese e un impatto sui prezzi tra luglio e agosto tra lo 0,3%-0,4%, il cosiddetto “effetto scalino”».«Le imprese del terziario di mercato e dell’artigianato, che vivono prevalentemente di domanda interna e che scontano gli effetti di un livello record di pressione fiscale, di una stretta creditizia senza precedenti, di una burocrazia asfissiante, complicata e costosa, anche per ottenere il pagamento dei crediti dalle pubbliche amministrazioni, non sono più nella condizione di sopportare ulteriori aumenti di tasse. Ritengo, quindi, una scelta ineludibile quella di cancellare definitivamente l’aumento dell’Iva; il Governo dovrà trovare le risorse necessarie attraverso una più coraggiosa e incisiva azione di spending review».

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>