Donnedamare a Forum: si parla della manifestazioni di domani di balneari e ambulanti

Commenta per primo!

 

Oggi insieme a Gabriella Scandicci, ambulante di Assidea siamo a Forum su Canale 5 dalle 11 alle 13. Insieme a me Patrizia De Filippo Mario TaggiascoFabio Moggia Beppe Morando
Parleremo della manifestazione di domani 15 marzo dalle ore 11 alle 14 per dire NO al #ddlammazzabalneari
Grazie Barbara Palombelli Rutelli

 

Share

Donnedamare da Calenda: riunione al MISE

Commenta per primo!
Oggi Donnedamare sarà al MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) al tavolo con il Ministro Calenda!
Share

Roma 15 marzo: Invito di partecipazione agli esponenti politici italiani

Commenta per primo!

Ecco l’ invito di partecipazione che stiamo inviando a tutti gli esponenti politici alla Manifestazione “No bolkestein”. Le donne balneari si ribellano: una lunga catena di donne per dire no alle Aste.

Il presidente del Comitato Salvataggio Imprese e Turismo italiano è lieto di invitarla ad un’importante manifestazione dal titolo “No bolkestein”. Le donne balneari si ribellano: una lunga catena di donne per dire no alle Aste, che si terrà a Roma il 15 Marzo 2017 in Piazza Montecitorio dalle 11 alle 14. 

La manifestazione ha l’appoggio di Donnedamare, per l’impresa balneare, CNA Balneatori, Assobalneari Italia, Itb Italia e ACO Liguria.

I balneari provenienti da tutta Italia manifesteranno contro la messa all’asta di 30 mila concessioni balneari italiane. Cause scatenante, dopo dieci anni di lotta, è stata la presentazione del DDL per la riforma del comparto, da noi stessi definito “ammazzabalneari”, una delega in bianco che certifica le aste e le inequivocabili parole del Ministro Calenda, che ben dimostrano le reali intenzioni dell’esecutivo.

Parole che tolgono ogni alibi e che giocoforza hanno portato i balneari a credere che non sia più il momento del basso profilo, ma della Piazza, convinti che sia un momento determinante e pacifico, a sostegno del NO alle Evidenze Pubbliche per le imprese familiari balneari italiane.

Le rivolgiamo quindi l’invito più caloroso a volerne farne parte, poiché la Sua adesione sottolineerebbe il significato della manifestazione, per la quale restiamo a disposizione per ogni chiarimento circa l’iniziativa.

Nell’allegare l’invito alla manifestazione, ringraziandola per l’attenzione che ci dedicherà e confidando in un riscontro positivo, si inviano i più cordiali saluti.

Emiliano Favilla, Comitato Salvataggio

Bettina Bolla, Donnedamare

 

Share

All’ultima tappa il tour della “Liguria si ribella” arriva a Loano.

Commenta per primo!

Loano – Dopo il tutto esaurito delle tappe di Varazze, Arma di Taggia e Laigueglia è prevista per stasera alle 17:30 presso il Ristorante Buon Vento l’ultima tappa del tour “La Liguria si ribella” per la province di Savona e Imperia.

Al centro degli incontri un forte no alle aste e una sonora bocciatura al DDL ammazzabalneari, ma anche la richiesta di partecipare alla manifestazione dal titolo “No bolkestein” – le donne balneari si ribellano, che si terrà in Piazza Montecitorio a Roma il 15 Marzo prossimo dalle 11 alle 14. 

La manifestazione – si legge in una nota – ha l’appoggio di Comitato Salvataggio Imprese e turismo italiano, Donnedamare, per l’impresa balneare, CNA Balneatori, Assobalneari Italia e Itb Italia che hanno chiamato a raccolta i balneari di tutta Italia, soprattutto dopo che, con le parole del Ministro Calenda, si sono capite le reali intenzioni dell’esecutivo.
Affermazioni che tolgono ogni alibi e che hanno portato i balneari, tra cui molti liguri, a credere che non sia più sopportabile il basso profilo, ma sia arrivato il momento della Piazza.

 

1 tappa: Varazze

 

2 Tappa: Arma di Taggia

 

3 Tappa: Andora

 

3 Tappa: Laigueglia

Share

Roma 15 Marzo, balneari in piazza contro la direttiva Bolkestein

Commenta per primo!

Le donne balneari italiane in una lunga catena per dire NO alle Aste manifesteranno in Piazza Montecitorio dalle 11 alle 14.

Non si ferma la protesta degli balneari. Mercoledì 15 marzo manifesteranno in piazza Montecitorio dalle 11 alle 14 contro la messa all’asta di 30 mila concessioni balneari italiane che, se attuata, non solo determinerebbe la fine di un intero settore, ma potrebbe dare spazio a multinazionali e malaffare. 

A far decidere i balneari a scendere in piazza è stata la presentazione del DDL per la riforma del comparto, da loro stessi definito “ammazzabalneari”, che certifica le aste e le inequivocabili parole del Ministro Calenda: “Sono favorevole alla Bolkestein perché a mio avviso quando lo stato dà una concessione deve metterla a gara, è un principio logico. Nella maggior parte delle situazioni le concessioni demaniali sono casi eclatanti, anzi vergognose”.

Parole che tolgono ogni alibi e che giocoforza hanno portato, legati da unità di intenti, Comitato Salvataggio Turismo Italiano, Donnedamare, ITB, tutte le associazioni regionali della Toscana e molte altre regioni italiane, sostenuti dai sindacati di categoria che più ascoltano  le richieste della base, Assobalneari e Cna Balneatori a credere che non sia più il momento del basso profilo, ma della Piazza, convinti che sia un momento determinante di lotta, a sostegno del NO alle Evidenze Pubbliche per le imprese familiari balneari italiane.

“Come Comitato Salvataggio – afferma il Presidente Emiliano Favilla – abbiamo dato la disponibilità a dare comunicazione ufficiale al Questore di Roma di questa iniziativa che vuole essere unitaria, trasversale alla politica e alle forze sindacali. Una manifestazione pacifica, ma qualificante anche dal punto di vista mediatico, sia per i contatti con la stampa, ma anche con la politica e le Istituzioni che vorranno essere presenti”.

“Faccio un appello alle donne balneari italiane – aggiunge Bettina Bolla, presidente di Donnedamare – affinchè ci sia la massima partecipazione possibile. Sono convinta che ogni donna guardando negli occhi il proprio figlio questa volta non possa rimanere a casa. La lunga catena di tutte le donne balneari italiane appartenenti a diversi sindacati ed associazioni sarà volta a sensibilizzare il governo e a far vedere chi veramente verrà danneggiato dall’attuazione delle evidenze pubbliche: famiglie, donne e bambini”. 

“Finalmente la piazza – tuona il Presidente Giuseppe Ricci di ITB Italia – non è più tempo del dialogo, in oltre dieci anni di lotta balneare abbiamo conosciuto ben cinque Governi e siamo stanchi delle false promesse e dei passaggi elettorali. Il 15 Marzo vogliamo le risposte che da anni aspettiamo!”

La partecipazione è importante, – scrive Fabrizio Licordari presidente di Assobalneari Italia  – perché solo con la presenza ognuno di noi puó esprime il suo “No alla Bolkestein”, come faranno in contemporanea gli ambulanti per difendere il diritto a continuare nel lavoro della propria impresa. I balneari italiani – continua – sono nettamente contrari alla evidenze pubbliche e non le accetteranno mai. Non è una questione di slogan o di proporre soluzioni magiche o fantascientifiche.  Esprimere la volontà degli imprenditori per Assobalneari Italia non è una perdita di tempo o di credibilità, ma è un dovere sacrosanto derivatogli dal mandato di rappresentatività ricevuto che, oggi più che mai, si sta rafforzando giorno per giorno.

 “Condivido e sostengo – ci fa sapere in un comunicato stampa il Presidente di Cna Balneatori Cristiano Tomei – le ragioni del presidio di protesta degli imprenditori balneari organizzato per il prossimo 15 marzo a Roma, che corrispondono alla nostra posizione sindacale: contrarietà alle evidenze pubbliche delle attuali concessioni e volontà di applicare il legittimo affidamento per istituire un regime di “doppio binario e un lungo prolungamento per le attuali imprese, in modo da dimostrare la non inerenza delle concessioni balneari nella direttiva Bolkestein”

Share