Lidisostenibili: un anno di ricerca. Il 14 Marzo a Roma la presentazione dello studio. E il giorno dopo in Piazza

Commenta per primo!

 

Il prossimo 14 marzo nella prestigiosa sede dell’Università europea in Via degli Aldobrandeschi a Roma (dalle ore 17) si presenteranno i dati della ricerca Lidisostenibili, uno studio realizzato dal Cesab (Centro di ricerca in scienze ambientali e biotecnologie), dalla Cattedra Unesco di Bioetica e Diritti Umani di Roma e dalle associazioni Donnedamare e Legambiente.

“Alla base del progetto – dice Bettina Bolla, presidente di Donnedamare – c’è la convinzione che una gestione sostenibile delle attività di impresa è portatrice di sviluppo anche nella conduzione delle attività balneari e rappresenta la base della crescita turistica, culturale, economica del Paese; le politiche ambientali e il rispetto degli ecosistemi sono la condizione indispensabile per uno sviluppo duraturo delle imprese balneari, nel rispetto dei principi di valorizzazione della qualità paesaggistica e di sostenibilità ambientale. L’impresa, quindi non è intesa come il produttore di meri beni e servizi. E’ anche un produttore di valori. Ecco perché, con grande orgoglio da parte nostra, la Cattedra Unesco di Bioetica e Diritti Umani di Roma ha deciso di aderire con determinazione all’iniziativa Lidisostenibili”.

“L’idea è stata quella di avviare un percorso – continua Bolla – che possa dar modo agli stabilimenti di puntare sulla sostenibilità e sul rispetto dell’ambiente marino concentrando l’attenzione anche sull’innovazione e sul miglioramento del rapporto tra gli stabilimenti balneari e l’ecosistema. In questo modo, si è cercato di capire quali innovazioni tecnologiche, esperienze sociali e culturali si possano avviare negli stabilimenti per renderli maggiormente rispettosi dell’ambiente e più in armonia con il territorio”.

“Lo studio – tiene a sottolineare la balneare ligure – ha analizzato alcuni stabilimenti balneari italiani e le loro buone pratiche, valorizzando quelli che hanno elaborato percorsi di eccellenza.

Partecipando al progetto infatti gli stabilimenti balneari hanno garantito l’impegno, autocertificato, a rispettare i requisiti base di sostenibilità ambientale, espressi nel manifesto attraverso le 10 tematiche in esso elencate, e a iniziare un cammino di ricerca mirato al miglioramento del proprio rapporto con l’ambiente.

Le zone geografiche coinvolte sono state 
Toscana (Provincia di Livorno, Provincia di Lucca, Provincia di Pisa, Provincia della Spezia) 
Liguria (Provincia di Genova, Provincia di Imperia, Provincia di Savona) Abruzzo (Provincia di Pescara, Provincia di Teramo)
Lazio (Provincia di Roma, Provincia di Latina)
Campania (Provincia di Salerno) 
Friuli Venezia Giulia (Provincia di Gorizia) Sardegna (Provincia di Cagliari)

L’iniziativa prevederà la presentazione del progetto di ricerca e la consegna degli attestati a quelli imprenditori che hanno aderito volontariamente a questa iniziativa che rientra nelle attività della Responsabilità sociale d’impresa.

Per chi volesse dopo il convegno è prevista la cena e l’alloggio in un hotel convenzionato, con alloggio in camere doppie al costo di 65 € a persona che pagherete in loco direttamente in hotel in modo tale da essere già a Roma per il 15 Marzo, data della manifestazione a Roma. 

Per prenotare (compilare il modulo equivale a prenotare) 

 

 

 

Share

Attenzione! Abbiamo bisogno dei vostri Contatti!!

Commenta per primo!

ATTENZIONE!!!!!!

Abbiamo bisogno dei vostri contatti mail per tenervi informati riguardo a incontri, eventi, manifestazioni.

Se avete contatti stampa regionali inviateceli a donnedamare@gmail.com così amplieremo la nostra mailing list per contattare tutte le redazioni delle regioni italiane!

 

 

 

 

Share

Il Giornale: “Il governo ammette di essere contro i balneari. Le reazioni delle categorie liguri”

Commenta per primo!

Di Diego Pistacchi 

Share

Fdi, su balneari Calenda si allinea a volere lobby. Ma la Bianchi (NCD) lo difende

Commenta per primo!

 (ANSA) – ROMA, 27 FEB – “Con le sue farneticanti dichiarazioni contro i balneari, il ministro Calenda ha dimostrato di non sapere nulla delle 30mila imprese di questo comparto, che rappresenta un unicuum in Europa. Evidentemente pero’ nei suoi pochi mesi da ambasciatore dell’Italia presso l’UE ha avuto modo di capire che lobby e multinazionali vogliono le nostre spiagge e quindi si e’ subito allineato agli sponsor dei suoi governi. Chiediamo al ministro Costa, che sta sostenendo la bonta’ del disegno di legge che spalanca le porte alle aste raccontando ai balneari che verranno tutelati, di prendere le distanze da questo “apprendista stregone” che parla di cose che non conosce, con un astio ideologico inaccettabile nei confronti di una intera categoria”. E’ quanto dichiara Carlo Fidanza, responsabile nazionale Enti Locali di Fratelli d’Italia.(ANSA). PDA 27-FEB-17 19:32 NNNN

 

e intanto a difesa del Ministro Calenda, interviene Dorina Bianchi, sottosegretario al Turismo.

Ci dispiace contraddirla ma i Balneari

NON SONO AFFATTO CONTENTI e NON RITENGONO TALE PROVVEDIMENTO EQUILIBRATO, POICHE IN ESSO CI SONO LE ASTE. 

Roma, 27 feb. (AdnKronos) – “Il Governo è dalla parte dei balneari, a differenza di quello sostiene la Lega Nord nella sua perenne campagna elettorale”. A dirlo è Dorina Bianchi, sottosegretario al Turismo.
“Infatti con il ddl delega sulle concessioni demaniali marittime presentato dal ministro Costa -sottolinea- abbiamo dato una risposta alle preoccupazioni degli operatori del settore”.

Bianchi rimarca che “si tratta di un provvedimento equilibrato che tiene in considerazione l’attuale panorama normativo europeo ma anche gli investimenti, il valore commerciale e la professionalità delle imprese del settore”.

“Siamo ben consapevoli -aggiunge- dell’importanza del comparto che apporta un valore aggiunto di 14 miliardi di euro e che rappresenta un settore strategico per lo sviluppo del turismo e dell’innovazione del prodotto turistico”. “Le opinioni espresse dal ministro Calenda, come lui stesso ha precisato, sono a titolo personale e non possono essere strumentalizzate. Bisogna pensare al bene del settore non a fare facili proclami” indica infine il sottosegretario al Turismo.

chi è Dorina Bianchi

Deputata (2001-2008) e senatrice (dal 2008 al 2013) e nuovamente Deputato dopo le elezioni politiche del 2013, ha iniziato la sua esperienza politica nel centrodestra col CCD, poi è passata al centrosinistra con La Margherita. In seguito è ritornata nell’UDC, passando poi al Popolo della Libertà, aderendo infine al Nuovo Centrodestra guidato da Angelino Alfano.

Share

La Liguria si ribella: un Tour per dire NO al DDLammazzaimprese 

Commenta per primo!

Balneari, Taxisti, Ambulanti, Ormeggiatori sono solo alcune delle categorie che rischiano di essere demolite dall’errata applicazione della direttiva Bolkestein. 
A loro si aggiungono i pescatori, non colpiti direttamente dalla direttiva servizi, ma dall’imposizione da parte dell’Europa di norme assurde che ne mettono a rischio la sopravvivenza.
Tutto ciò avviene purtroppo con la complicità del governo, che da una parte tutela le banche, le multinazionali, le società petrolifere, mentre dall’altra rovina le piccole imprese e le famiglie.

Da qui nasce l’idea del Tour “la Liguria si ribella”, che proprio dalla narrazione di ciò che sta succedendo alla categoria dei balneari, vessata da 10 anni di incertezza normativa e in forte stato di agitazione dalla recente presentazione da parte del Governo del DDL da loro definito “ammazzabalneari”, vuole evidenziare la perdita di sovranità dell’Italia, dando finalmente la parola a chi, con il lavoro, rende grande l’Italia.

Non solo balneari quindi, ma anche ambulanti, taxisti, ormeggiatori e pescatori le categorie più colpite da un’Europa matrigna che impone dall’alto e alla quale il nostro Governo, al contrario di altri, lascia fare, distruggendo interi settori, non solo importanti, ma vitali per la nostra economia.

Quattro tappe, ci fanno sapere gli organizzatori, a cui parteciperanno l’assessore al demanio della Regione Liguria Marco Scajola, il Presidente della Commissione Bilancio in Regione Liguria Vaccarezza AngeloBettina Bolla, presidente di Donnedamare, Occhiuto Giuseppe, rappresentante degli ambulanti.

Ad inaugurare il tour, quindi ospite della tappa varazzina, avremo il Senatore Massimo Baldini, grande conoscitore della Direttiva Servizi e del percorso politico che ha avuto in Italia che ben ci spiegherà, citando Gadda, quel brutto pasticciaccio della Bolkestein, legge Europea, applicata diversamente da nazione a nazione che negli anni è diventata la cartina di tornasole del peso politico in Europa della nostra martoriata Italia.

Varazze: lunedì 6 alle 17:30 – Kursaal Margherita, Corso Matteotti 15

Arma di Taggia martedì 7 alle ore 17:00 – Villa Boselli

Laigueglia: mercoledì 8 alle 17:30 – Sala Seymour (sopra la Croce Bianca), Piazza San Matteo

Loano: venerdì 10 alle 17:30 – Ristorante Buon Vento, banchina ponente della Marina

Share