Porta a Porta: Inqualificabile Bruno Vespa (video)

vespaDa Bettina Bolla e Antonio Smeragliuolo

Inqualificabile Vespa:

Per la seconda volta, Bruno Vespa nella trasmissione pubblica Porta Porta ammazza la nostra categoria e in assenza di contradittorio per giunta, anzi con il benestare dei presenti, dicendo che non paghiamo nulla di canone demaniale, una cifra esigua, dice, per un anno… e qui il primo errore e, siccome non crediamo che Bruno Vespa non prepari o non studi ciò che dice, di errore non si tratta ma di malafede… “Dimentica” il Signor Vespa, infatti, che noi guadagniamo solo per tre mesi l’anno, lavoriamo per i restanti mesi (e ci sono molti che aprono da Pasqua e chiudono a settembre perché imposto dalle leggi), garantendo l’apertura ai pochi clienti che vengono. In quei mesi non arriviamo neppure a coprire le spese.

E’ ingiusto sparare a zero e soprattutto senza considerare diversi parametri che sono importanti: quali l’estensione della concessione e l’area della superficie demaniale e il fatto che quelle cifre sono pagate per aree spoglie e che non hanno strutture…

Signor Vespa, Lei sa chi sono i pertinenziali? Sono famiglie che pagano canoni annuale altissimi, nell’ordine di centinaia di migliaia di euro, con retroattività dal 2007. Perché lei che è così preparato e pronto a parlare di ingiustizie non li cita? Magari non li conosce, ma forse qualcuno che ha la fortuna da tempi immemori di lavorare e fornire un servizio nella tv pubblica, beh, che dice, sarebbe il caso di approfondire l’argomento?

Inoltre, noi non dobbiamo pagare solo il canone, ma ci sono anche altri costi da sostenere:  servizio di salvataggio, che è a nostro carico,  pulizia estiva e invernale degli arenili, i costi di montaggio e smontaggio, gli affitti dei magazzini… tutte spese di cui si deve cercare di rientrare in soli tre mesi.

Che dire poi dell’IVA al 22%, mentre per alberghi e ristoranti è al 10%, l’IMU anche per immobili non di proprietà. Infatti noi paghiamo il canone demaniale, maggiorato dell’imposta regionale, come se fossimo in affitto e l’IMU, come se fossimo proprietari del BENE, e, al contempo siamo  nella Direttiva Servizi perché qualcuno ci considera servizi e non beni. Eh si noi abbiamo anche quelle che lei chiama aste internazionali (che di internazionali hanno ben poco perché la Spagna ha avuto 75 anni, la Croazia e il Portogallo 90… noi 5 anni di proroga) sulla testa… Non abbiamo certezza di impresa dal 2009 e abbiamo mutui importanti che scadono oltre quella data.

Per quanto riguarda gli altri interventi, evitiamo di commentare, vediamo soltanto molta approssimazione e impreparazione. L’emendamento sulla sdemanializzazione che il PDL e le 5 sigle sindacali sostengono prevede la vendita con OPZIONE e non con aste, come si dice nel video. E non è la spiaggia che vogliamo comprare, ma bensì le aree dove insistono i manufatti da noi edificati, nel rispetto delle leggi, nel corso degli anni.

Caro Vespa, lei ha il dovere, in quanto lavora in una tivù pubblica, che anche i balneari pagano, di dire le cose come stanno. Una volta mi piaceva come giornalista, ora non più.

Per guardare il video cliccare sulla foto 

 

Ecco un commento a caldo di Antonio Smeragliuolo, tecnico ITB ITALIA

“A tutto c’è un limite, legale, e di ragione, essere sempre alla gogna da anni è avvilente e lede la nostra Dignità di persone ed imprenditori, in TANTI stanno ormai chiedento di fare ricorsi, con gravi danni alle casse dello Stato e dei cittadini, che invece di capire dovranno pagare i ricorsi, questa è la totale disinformazione che continuano a dare anche su televisioni pubbliche.Questo è moralmente inaccettabile”wpid-IMG_5959789491618.jpeg

 

 

Share

One Response to “Porta a Porta: Inqualificabile Bruno Vespa (video)”

  1. david lucii

    ..riporto: “Caro Vespa, lei ha il dovere, in quanto lavora in una tivù pubblica, che anche i balneari pagano, di dire le cose come stanno. Una volta mi piaceva come giornalista, ora non più.”
    …una volta mi piaceva come giornalista…. ogni commento è superfluo.

    Rispondi

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>