Regione: aumento dei canoni demaniali dal 10% al 100%. Interrogazione del Capogruppo del P.d.L. Marco Melgrati.

1425795_10201628655335384_627763766_nL’assessoreRossetti che ritiene equa la nuova tassa vive in un mondo di frutta candita?

Melgrati: vergognoso sceglieredi tassare un settore che è già in crisi. La sinistra, a Roma e a Genova,conosce solo il metodo dell’aumento delle tasse… mai che si riducano gli sprechi.

Apprendiamoche la Giunta Regionale, nell’approvazione del Bilancio e della Finanziaria2014, con una manovra di finanza creativa, ha scelto di aumentare dal 10% al100% la quota che spetta alla Regione sul canone demaniale. Colpiti da questoprovvedimento tutti i concessionari del settore balneare, ma anche tutte leattività (esercizi pubblici, bar e ristoranti) e i privati che insistono suarea demaniale.

L’assessoreRossetti, “fiero” di questa Sua iniziativa, ha dichiarato che con questamanovra si potranno recuperare dai 6 ai 9 milioni di euro l’anno, dimostrandodi non sapere nemmeno quanto incassa la Regione, e quindi di non saper fare unaproiezione esatta.

E’vergognoso che in un momento di grave crisi economica e di recessione, che hacolpito tutti i settori, e quindi fortemente anche il settore balneare, sipensi di raschiare il fondo del barile, o meglio, delle tasche dei cittadini,aggiungendo tasse alle tasse già esistenti.

Invecedi chiedere al Governo centrale, in conferenza Stato-Regioni, di rimodularela tassazione sui canoni demaniali, dove il 90% andava allo Stato Centrale esolo il 10% veniva trattenuto dalla Regione, si sceglie la via piùsemplice: aumentare fino al 100% la quota della Regione, di fattoraddoppiando la tassazione. E se questa può sembrare equa perl’assessore Rossetti (perché forse vive in un mondo di frutta candita), non sirende conto del peso che avrà sulle finanze già vessate dei concessionariBalneari, soprattutto in relazione ai beni incamerati sul demanio.

Unsettore già in forte fibrillazione, e che vive con la spada di Damocle delladirettiva Bolkestain, per la quale il governo italiano non ha ancora ottenutocertezze dall’Europa, viene in questa maniera penalizzato vergognosamente dai“compagni” della regione Liguria.

Chiedal’assessore Rossetti i bilanci di questa stagione ai balneari… si renderà contodella grave crisi che anche questo settore attraversa, legata ad unacontrazione dei consumi nel più grande comparto del turismo.

Daremobattaglia in Commissione Bilancio su questo provvedimento e proporremo unemendamento che cancelli questa iniqua tassa…

Ilmetodo di governo della sinistra ormai lo conosciamo, sia al governo romano siaalla guida della Regione Liguria: lacrime, tasse e sangue… A quando la gentecon i forconi fuori dal palazzo della Regione? E noi del P.d.L. saremo conLoro!

Genova, 9.11.2013

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>