Roma, 5 novembre 2013: Convegno dei Concessionari Pertinenziali

1385464_10201933445131654_122084271_nIeri, 5 novembre 2013 a Roma c’è stato il Convegno  dei concessionari pertinenziali. Noi non eravamo presenti e pubblichiamo il comunicato di Federbalneari.

Man mano che ci arriveranno pubblicheremo anche gli altri, poiché il nostro blog, da sempre, dà voce a tutti i sindacati, le associazioni e le notizie del mondo balneare…

L’incontro di oggi ha visto protagonisti numerosi esponenti del mondo delle istituzioni, invitati al Convengo organizzato dai concessionari pertinenziali all’Hotel Nazionale di Montecitorio. Federbalneari Italia ha avuto modo di esprimere la soluzione presentata al Governo con l’On. Pizzolante, che ha confermato la preparazione di due emendamenti targati PDL. Il primo, con qualche piccola limatura, è quello che riguarda la sdemanializzazione, già inoltrato a tutti, operazione che deve essere condotta in modo centralizzato dal Governo. Il secondo emendamento dovrebbe andare a risolvere l’emergenza pertinenziali, ma non andrà a rivoluzionare la normativa generale sui canoni che, a detta dell’On. Pizzolante, richiederà un processo più lungo non risolvibile in questi gironi. L’emendamento Salva Pertinenziali dovrebbe, dunque, contenere non una soluzione strutturale come chiede Federbalnear Italia, ma un provvedimento tampone contenente l’abrogazione della Legge Prodi, ovvero la Finanziaria 2007, poi un canone minimo di € 2.000 e la copertura minima di € 4000/5000 per le concessioni che non hanno altri obblighi concessori (oneri che ottengono da altre attività: bar, servizi etc.). E’ infine stata inserita una sanatoria che dovrebbe risolvere tutti i contenziosi in corso con un pagamento del 30% del canone, ciò permetterebbe di chiudere la questione dei contenziosi. E’ stato suggerito alle Istituzioni, per risolvere definitivamente questa partita, di applicare il Diritto alla retroattività a tutti i concessionari che dal 2006 hanno subito un aumento del canone del 300%. Resta il problema ancora delle decadenze che vanno interrotte. L’emendamento contenente queste disposizioni, dovrà essere presentato, entro sta sera, dai senatori Maurizio Gasparri e Federica Chiavaroli.
Riguardo invece l’emendamento che verrà presentato dal Pd risulta dalle parole della Senatrice Granaiola, una posizione di ulteriore proroga, con delega delle competenze alle Regioni, ma senza una soluzione definitiva e strutturata.

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>