Saraceno: «Caro Renzi, la sfida è l’occupazione femminile e creare le condizioni per cui le donne possano rimanere nel mercato del lavoro»

Matteo RenziDa Antonio Smeragliuolo e Bettina Bolla

Per Chiara Saraceno, sociologa esperta in problemi della famiglia, c’è ancora molto da dettagliare in questo Jobs Act per ora accennato sui giornali. A leggere le prime indiscrezioni sul piano Renzi, tuttavia, saltano agli occhi anche altre (colpevoli?) dimenticanze. Ad esempio l’occupazione nel Mezzogiorno, o quella femminile, particolarmente bassa in Italia.

Ecco il testo integrale del JOBS ACT

Nella sua proposta mancano riferimenti specifici a questi due temi, molto importanti per l’Italia e ci si domanda se sia una lacuna, o se questa assenza stia a significare che con il nuovo welfare il gap Nord-Sud o quello di genere potrebbero essere risolti.

«Non conosciamo ancora bene i particolari del piano – afferma la Saraceno -, ma ritengo che sicuramente si debba sapere in che modo si possa rivitalizzare il mercato del lavoro a Sud. Così come si deve dire come si rafforza la partecipazione al lavoro delle donne. Il fatto è che non basta creare un sostegno all’occupazione femminile: bisogna anche creare le condizioni per cui le donne possono rimanere nel mercato del lavoro». 

Applicato al mondo balneare ricordiamo che ci sono 60 mila donne italiane, molte di esse anche titolari di impresa, che perderebbero il lavoro qualora la Bolkestein venisse applicata al nostro settore. Per questo motivo chiediamo l’esclusione delle concessioni demaniali marittime a fini  turistico-ricreativo di stabilimento balneare utilizzando la normativa di recepimento della Direttiva Servizi, con decreto interministeriale ex articolo 2, comma 3, del dl 59/2010, che dichiari l’esclusione dall’evidenza pubblica per le imprese turistico ricreative e al fine di disciplinare il settore balneare italiano.

http://www.donnedamare.it/comi-30-mila-giovani-donne-rischiano-il-posto-di-lavoro/

 

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>