Senatrice Manuela Granaiola

La Senatrice Graniaola con noi al sit-in di Roma

La Senatrice Graniaola con noi al sit-in di Roma

Questo è l’intervento della

Senatrice Manuela Granaiola

che sarà pubblicato sul libro di Donnedamare

 

“Quando si fa un lungo viaggio insieme, se siamo sinceri, rispettosi e disposti all’ascolto, si imparano tante cose e si creano delle amicizie e dei legami, spesso destinati a durare nel tempo e difficili da scalfire.

Così mi è successo con voi, care ragazze e ragazzi del mondo balneare!

Abbiamo fatto insieme un lungo viaggio, attraversando tutta l’Italia, fino a Bruxelles! Partendo dalla Versilia abbiamo conosciuto i concessionari di tante città, meta del turismo balneare, da Genova a Napoli, da Forte dei marmi a Capalbio, da San Benedetto del Tronto a Rimini, da Viareggio a Palermo. A volte in treno, a volte in macchina, a volte in camper. Quante belle persone ho conosciuto, quante belle spiagge, quanto lavoro, quanta fatica e quanta rabbia di fronte a muri di incomprensione e di ignoranza, che rallentavano il nostro cammino verso la meta!

E’ stato un viaggio importante perchè mi ha fatto conoscere in modo approfondito una realtà che mi era nota solo in quanto abitante a Viareggio, ma parzialmente e solo dal punto di vista di cliente di uno stabilimento balneare, mentre tante erano le cose da sapere sia dal punto di vista normativo che lavorativo e gestionale. Insomma una realtà di piccole e piccolissime imprese che dal 2006, anno della famigerata Direttiva Bolkestein, hanno perso la tranquillità , e hanno dovuto convivere con l’incubo di vedersi portare via prima o poi l’azienda per la quale hanno lavorato una vita, insieme a tutta la famiglia e per la quale spesso hanno stipulato mutui pesantissimi , le cui scadenze vanno molto oltre le proroghe ottenute per la scadenza delle concessioni.

Pensavo che cinque anni di legislatura bastassero per risolvere una questione che aveva del paradossale, in quanto totalmente basata su falsi principi di libera concorrenza.In realtà  le aste non farebbero che spianare la strada all’avanzare di rapaci interessi di “predatori” con le tasche piene di denaro poco pulito, in cerca di lavatrici insospettabili.

E invece non ce l’abbiamo fatta ed eccoci ancora qua, con una piccola vittoria in tasca, la proroga della scadenza delle concessioni al 2020, ma senza alcuna certezza normativa, senza una soluzione definitiva che faccia uscire dall’angoscia tanti imprenditori e faccia ripartire l’economia legata al mondo balneare, ad oggi completamente paralizzata.

Anche se sono stati fatti notevoli passi avanti con tutte le associazioni rappresentative dei concessionari, che finalmente sono concordi nel respingere al mittente la questione delle aste e con le varie forze politiche che stanno cominciando a prendere coscienza della grave situazione che rischia di travolgere il nostro sistema di balneazione attrezzata, bisogna riconoscere che buona parte del merito deve essere data a tutti quei comitati che sono sorti un po’ in tutte le regioni dove c’è una tradizione di turismo balneare e sopratutto dobbiamo ringraziare il gruppo delle “ Donne d’amare” che con la loro forza e la loro determinazione hanno affiancato sindacati e movimenti dando una forte spinta motivazionale alla ripresa di quel lungo viaggio verso la soluzione che purtroppo è ancora molto lontana.

Occorre a mio avviso , partendo dai punti di forza della categoria che sono indubbiamente la tutela delle spiagge, dell’ambiente costiero, della sicurezza in mare, la qualità dei servizi offerti, il diritto alla stabilità di impresa, riprendere la lotta con la profonda convinzione che se una cosa è ingiusta, deve essere combattuta fino in fondo!”

Sen. Manuela Granaiola

Share

3 Responses to “Senatrice Manuela Granaiola”

  1. Sante barbeach rimini Dall'Asta

    La costituzione le leggi europee non permettono un esproprio delle nostre piccole imprese familiari dobbiamo risparmiare ogni soldo guadagnato in questi pochi anni che ci rimangono per assumere i migliori avvocati e scoprire le trame di chi ci vuole derubare !!

    Rispondi

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>