Sonia Viale parla della Direttiva Servizi – l’on.le Salvini presenta un’interrogazione

DSC_0031La scorsa settimana in occasione del mio incontro con Sonia Viale, candidata capolista alla Camera per la Lega Nord le ho chiesto di inviare una dichiarazione scritta, che mi è pervenuta oggi e che pubblico testualmente.

“Prima una precisazione é doverosa: il problema al momento non può essere risolto in Parlamento, ma Governo e la Commissione Europea.

La Commissione Europea, ed in particolare il Commissario al Mercato Interno Barnier, ha il compito di vigilare sulla corretta applicazione della cosiddetta “Direttiva Servizi”, altrimenti definita anche con il nome dell’ex-Commissario che per primo la propose, il Signor Bolkenstein. Questa Direttiva é stata votata nel 2006. Gli Europarlamentari della Lega furono gli unici tra gli italiani a votare contro.

A questo punto, quindi, siamo nella fase in cui ogni singolo Stato Membro dell’Unione ha più o meno applicato quel testo sul suo territorio con una normativa ad-hoc.

Sappiamo che i balneari chiedono assolutamente la deroga e la relativa non effettuazione delle gare.

Quello che é avvenuto in questi anni é stato, quindi, il tentativo di giungere, da parte di Roma, alla definizione di una proposta che soddisfacesse sia i balneari che la Commissione Europea.

Verso la fine del 2012 sembrava che qualcosa di positivo stesse arrivando ma anche quel progetto è naufragato per l’opposizione della Commissione Europea.

Della deludente risposta all’interrogazione dell’On. Bizzotto della Lega sullle analogie con il caso Spagnolo ne abbiamo dato conto qualche settimana fa.

In merito alla proroga al 2020 non vi è ancora alcuna evidenza documentale.

E’ anche per questo motivo che è stata presentata un’interrogazione dell’On. Salvini con la quale si chiede di fare chiarezza con le proroghe e le deroghe concesse. Sul sito della DG Markt della Commissione Europea non appare nulla, come se le proroghe venissero concesse con un carteggio privato tra Governi e Commissione Europea.

Alcuni Deputati europei hanno ottenuto di aprire un “tavolo” con il Commissario al Mercato Interno Michel Barnier.

Ora più che mai però occorre  un Governo disposto, su questo tema, ad affrontare seriamente e davvero la questione.

Di certo il Governo Monti non si é speso sui balneari. Monti stesso é uno dei “padri” del Mercato Interno dell’Unione e la sua visione liberale é esattamente opposta alle richieste di aiuto che provengono dai gestori degli stabilimenti. leggendo il programma elettorale  delle liste che supportano Bersani non si trova alcun accenno al problema.

Si potrebbe nell’immediato comunque chiedere  già  se é prevista una revisione della Direttiva, che del resto é del 2006 e necessita di modifiche .

Al momento l’unico programma elettorale che indica come impegno “stabilizzazione delle concessioni dei titolari degli stabilimenti balneari ” è quello sottoscritto dalla Lega.

Share

One Response to “Sonia Viale parla della Direttiva Servizi – l’on.le Salvini presenta un’interrogazione”

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>