Turismo colpito dal maltempo. Prodani (M5S): «Misure urgenti per sostenere subito le strutture in grave difficoltà»

image

«Servono misure urgenti per sostenere subito le strutture ricettive e turistiche duramente colpite da eventi meteorologici avversi che, sommati alle criticità strutturali, stanno comportando la riduzione delle presenze e delle prenotazioni». Con una interrogazione in Parlamento il deputato del MoVimento 5 Stelle Aris Prodani chiede al governo Renzi di andare in soccorso a un settore strategico per l’economia italiana.«Il mese di agosto costituisce da sempre il periodo delle vacanze estive di maggior attrazione per il turismo interno ed internazionale nel nostro Paese. Una riduzione delle presenze sarebbe disastrosa per l’intero comparto – ricorda il segretario della Commissione Attività produttive della Camera -. Secondo le stime di Coldiretti, ad agosto quasi tre italiani su quattro, infatti, rimarranno a casa confermando una stagione non solo deludente ma estremamente critica per tutto il comparto turistico-ricettivo».«Stime drammatiche sono state diffuse anche dal Sindacato italiano balneari (Sib) che ha parlato di 50 mila lavoratori a chiamata rimasti a casa e di oltre 400 milioni di euro persi – sottolinea Prodani -. E mentre le cessazioni degli esercizi che si occupano di alloggio e ristorazione sono in continuo aumento, in provincia di Trieste la Federazione italiana pubblici esercizi (Fipe), guidata da Fabrizio Ziberna, ha inviato al premier Renzi e alla presidente della Regione Serracchiani una lettera, invocando misure concrete per il rilancio del settore turistico nel 2015. Tra queste la sospensione per un anno delle rate inerenti debiti, prestiti e/o finanziamenti contratti con istituti bancari o con agenzie per la riscossione, la disapplicazione degli studi di settore per l’anno d’imposta in corso e il differimento dei termini di pagamento di imposte e tributi. Un “grido di dolore” – conclude il portavoce M5S – che le istituzioni non possono non ascoltareDi seguito il testo dell’interrogazioneInterrogazione a risposta scrittaPRODANI. – Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo. — Per sapere – premesso che:la stagione turistica estiva in corso registra un notevole calo delle prenotazioni e delle presenze sia degli stranieri che degli italiani soprattutto nelle località marine e montane;in una località solitamente gettonata come Lignano Sabbiadoro, si stima che quest’anno le presenze abbiano subito un calo del 20% – un vero colpo per l’economia di questa meta turistica del Friuli Venezia Giulia – mentre nella vicina Grado solo l’incremento della presenza degli stranieri (+8% secondo Turismo Fvg) ha per ora salvato una stagione ampiamente sottotono. Secondo il Sindacato italiano balneari (FIB), le presenze sulle spiagge del Friuli Venezia Giulia nel mese di giugno scorso solo diminuite del 30% rispetto allo stesso periodo del 2013 e del 40% a luglio;in base a una prima stima di Federalberghi, 28 milioni di italiani andranno in vacanza quest’estate – circa il 47% della popolazione – preferendo però in località estere, mentre sono quasi 30 milioni coloro che rimarranno a casa principalmente per ragioni economiche;maltempo e nubifragi sono state le cause principali degli incassi ridotti nel mese di luglio, ancora da quantificare, ma l’instabilità meteorologica si è solo andata a sommare alla stagnazione del settore iniziata da tempo con la crisi economica;secondo il “Barometro del turismo – II trimestre 2014” pubblicato il 22 luglio scorso da Federalberghi, si registra un saldo negativo di 456 imprese tra alberghi ed esercizi complementari che hanno chiuso i battenti nel periodo gennaio-giugno 2014, mentre la bilancia turistica è ancora in attivo per 929 milioni di euro – anche se in calo rispetto al 2013 (-9,7%) – grazie soprattutto alle affluenze straniere;i dati sulla domanda per il periodo gennaio-giugno 2013/2014 hanno visto un aumento delle presenze negli alberghi per un complessivo 2%, ma i lavoratori occupati nel settore sono diminuiti nello stesso periodo del 2% (-3,1% a tempo indeterminato e -0,8% a tempo determinato);l’andamento del comparto turistico si conferma quindi “a corrente alternata” con il fatturato del primo trimestre 2014 in leggero aumento per i servizi (+1,1%) rispetto all’anno precedente, ma il comparto ricettivo è rimasto sotto la propria media con il +0,9%. Anche i ricavi medi confermano un lieve aumento, probabilmente legato anche alla diversa collocazione nel calendario della Pasqua (fine aprile 2014), controbilanciato però dalla crescita ridotta dei tassi di occupazione che portano a un fatturato complessivo stazionario;a seguito del perdurare delle avverse condizioni meteorologiche in quasi tutto il Paese, il 4 agosto scorso la Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE) di Trieste, con una lettera alle istituzioni, ha chiesto misure concrete per il rilancio del settore turistico nel 2015 e in particolare: la sospensione per un anno delle rate inerenti debiti, prestiti e/o finanziamenti contratti con istituti bancari o con agenzie per la riscossione, la disapplicazione degli studi di settore per l’anno d’imposta in corso e il differimento dei termini di pagamento di imposte e tributi;il 5 agosto c. a. il quotidiano l’Avvenire ha pubblicato l’articolo “Cos’ì l’estate fredda congela il turismo” che riporta l’allarme lanciato da svariate associazioni di categoria  – come Assoviaggi-Confesercenti, SIB, FIPE-Confcommercio e Federalberghi –  secondo le quali a seguito di due mesi continui  di maltempo sono stati persi circa 400 milioni di euro;il mese di agosto costituisce da sempre il periodo delle vacanze estive di maggior attrazione per il turismo interno ed internazionale nel nostro Paese, quindi una riduzione delle presenze sarebbe disastrosa per l’intero comparto;secondo le stime di Coldiretti, ad agosto quasi tre italiani su quattro rimarranno a casa confermando una stagione non solo deludente ma estremamente critica per tutto il comparto turistico-ricettivo -:quali misure urgenti s’intendano adottare per sostenere le strutture ricettive e turistiche durante la stagione estiva in corso, duramente colpite da eventi meteorologici avversi che, sommati alle criticità strutturali,  stanno comportando la riduzione delle presenze e delle prenotazioni.PRODANI

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>