Una nuova iniziativa di donnedamare… “stessa spiaggia, stesso mare”

stessa beachLa Bolkestein prevede la messa all’asta delle concessioni demaniali marittime, provocando la distruzione di un sistema turistico che non ha uguali nel mondo. Un sistema dove le regole della concorrenza sono rispettate al massimo, ci sono 30.000 famiglie che creano realtà tipiche, diverse una dall’altra, completamente inserite nel territorio di appartenenza e dove ancora si respira un’atmosfera familiare, dove i proprietari conoscono i clienti per nome.

Negli stabilimenti balneari italiani si trovano tradizioni, mantenute dai proprietari e amate anche dagli stessi clienti, che decidono di andare in quello stabilimento e non in un altro. Un tipo di clientela che non andrebbe mai in un qualsiasi resort, spogliato di ogni tipicità e globalizzato a partire dal personale che vi lavora, ai servizi , al cibo offerto al pubblico.

Per questo motivo abbiamo pensato di lanciare una nuova iniziativa, che vuole essere complementare a quella delle storie delle donnedamare e che troverà posto in una sezione ad hoc sul nuovo sito di donnedamare, che stiamo pensando per voi.

Ciascun balneare dovrebbe chiedere su fb o personalmente ai suoi clienti di scrivere una sorta di “recensione” scritta col cuore che spieghi i motivi per cui hanno scelto i nostri bagni e non altri e, che li spinge a dire di anno in anno “per quest’anno non cambio, stessa spiaggia stesso mare”. 

Abbiamo tanti contro, ma anche tante persone amiche, tra cui i nostri amati clienti che anno dopo anno decidono di passare con noi l’estate!

La mail? sempre la stessa donnedamare@gmail.com

Share

Leave a Reply

  • (will not be published)

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>